Che forma deve avere un business plan?

Generalmente, quando viene richiesto da una banca o da un investitore, è opportuno o preferibile presentare un tradizionale business plan di carta da 20-30 pagine. Tuttavia, niente ti vieta di essere più o meno creativo, e di spaziare tra diversi supporti a seconda delle tue preferenze.

Per esempio, sono sempre più diffusi i business plan attraverso delle slide, che ti permetteranno di mostrare con punti elenco, immagini e grafici il contenuto del piano aziendale. Una presentazione slideshow è sicuramente più facile da creare rispetto a un piano tradizionale, ed è altresì più visivamente accattivante. È una buona opzione se stai presentando il tuo piano di persona a un investitore o cliente.

In alternativa, puoi naturalmente optare per un tradizionale business plan cartaceo, che ha gli stessi componenti della presentazione, ma è scritto in maniera più ampia. Generalmente si preferisce questo genere di supporto quando devi presentare il piano a banche e investitori.

Altra alternativa è legata a un software. Puoi infatti creare degli appositi programmi eseguibili che daranno un tocco di innovazione in più al tuo business plan. Oppure, puoi creare un eccesso di intesi, come il business plan a una sola pagina: una versione più concisa di un piano aziendale completo, utsato principalmente quando non si desidera divulgare l’intero piano ma si inizia una conversazione con un investitore, finanziatore o collaboratore, e si vuole incuriosire e presentare in modo discreto il proprio progetto.

Se poi ti va… puoi anche farlo su un tovagliolo! Ricorda infatti che il mezzo è importante, ma niente è più importanti del modo con cui riuscirai a fissare i principali concetti chiave. Insomma, non preoccuparti più di tanto della formattazione, ma occupati di trasformare semplicemente le tue idee importanti in modo che tu possa iniziare a fare il vero lavoro, e il resto verrà da se!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *